Sentiero Santuario San Cosmo

Percorso difficile su mulattiera e sentiero scosceso.

Da San Cipirello si svolge a mezza costa sul versante Sud di Monte Jato, sull’antica mulattiera oggi in parte franata. Dopo il “Vauso ‘a morte” (così chiamato perché vi si appoggiavano le casse che venivano portate a spalla al Santuario per la sepoltura), si passa davanti alla Grotta del Tauro, usata come rifugio dai pastori, e si prosegue traversando diversi valloni e raggiungendo un grande abbeveratoio, oggi parzialmente interrato. Da qui, dopo un ulteriore breve tratto, il sentiero scende verso il Santuario di San Cosmo, abbandonato definitivamente negli anni ’50 ed oggi in rovina. La parte centrale, quella della chiesetta, è completamente crollata. Si può ancora vedere l’altare con i resti di un affresco. Alle sue spalle un vano angusto con una piccola sorgente con stillicidio d’acqua. Sul pavimento della chiesa numerose aperture, ora scoperchiate, da cui si accedeva alle sepolture.

Comments

comments