Cani e gatti avellenati: nuovi casi a Ficuzza

cane avvelenatoFICUZZA. Muoiono fra atroci sofferenze. Sono i cani e gatti randagi vittime dei bocconi avvelenati che da settimane qualcuno dissemina ai margini del Bosco Ficuzza, vicino Corleone. "E' già da due anni - racconta Giovanni Giardina - che nel mese di luglio qualche indegno personaggio si diverte ad avvelenare i cani che qui vivono liberi ma che di fatto sono stati adottati dalla nostra comunità ". Quest'anno ne sono già morti tre. "Solo un cane è riuscito a farcela", racconta Giardina, che dirige un centro di recupero per fauna selvatica. A finire vittime dei bocconi avvelenati sono stati anche sei gatti. "Non credo che sia un buon biglietto di visita per un paese che si vuole lanciare nel panorama turistico ad ampio raggio - fa notare Giardina, che ha anche scritto al sindaco di Corleone -. Sono episodi che oltre a lasciare l'amaro in bocca rappresentano, infatti, un serio tentativo di discreditare tutta la cittadinanza. E' per questo - conclude l'ambientalista ficuzzese - che chiedo ai miei concittadini di essere più vigili e far sentire l'isolamento culturale all'ignoto colpevole". (LEAS)

LEANDRO SALVIA

Â

Foto Notizie

A San Giuseppe Jato un consigliere fa il "giardiniere" per dare il buon esempio
LA FOTO: L'ultima "triste" fermata